I RADUNI DEL CLUB

Il punto di ritrovo era fissato presso l'Hotel "Fondo Catena" a Porotto, immerso nel verde ad una manciata di Km dal centro di Ferrara: dopo l'arrivo e l'assegnazione delle camere, i partecipanti hanno lasciato l'albergo e si sono diretti a Dosso (Fe) per la visita del museo Lamborghini: ad accoglierli c'era il sig. Fabio Lamborghini, nipote del fondatore della mitica casa del toro, che ha ripercorso la storia dell'azienda partendo dai trattori e dalle caldaie per arrivare alle granturismo "anti Ferrari" per eccellenza (è noto che i rapporti fra Ferruccio Lamborghini e il Drake di Maranello fossero difficili !!): il museo dispone di numerosi prototipi e vari esemplari delle più celebri lambo dal periodo della fondazione fino alla Countach e alla Jalpa: come era prevedibile gli spideristi hanno apprezzato in modo particolare la Miura, andando a scovare i particolari in comune con le 850 che, ricordiamo, erano prodotte da Bertone assieme alla piu' famosa delle Lamborghini. Oltre alle vetture sono comunque esposti alcuni trattori, alcune microvetture (una delle quali è stata utilizzata come mini "papamobile" da Giovanni Paolo II) oltre ad una serie di oggetti griffati Lamborghini (occhiali, profumi, penne, ecc) e una serie di pubblicazioni riguardanti la casa che era possibile acquistare e, soprattutto, farsi autografare dal signor Fabio.
Dopo il pranzo consumato presso l'"Osteria delle sabbie", posta all'interno dell'oasi naturale delle pradine, la carovana si è diretta in centro a Ferrara per la visita della città: dopo avere sistemato le vetture in piazza Ariostea, i radunisti hanno raggiunto a piedi il famoso Castello Estense, di cui sono stati visitati anche gli interni, incluse le terribili prigioni; dopodiché il gruppo ha visitato la Cattedrale ed infine le strade del ghetto ebraico, davvero molto suggestive.
La mattina successiva la comitiva ha attraversato il centro di Bondeno, dove l'assessore alla promozione del territorio, nella piazza principale del paese, ha consegnato un gradito omaggio ai partecipanti. Successivamente il gruppo si è trasferito a pochi Km di distanza per visitare l'impianto di bonifica delle Pilastresi: si tratta di un'enorme struttura situata in mezzo alla campagna operante la depurazione delle acque dei tanti canali della zona (il ferrarese è una zona ricchissima di corsi d'acqua e di chiuse e alcuni di questi canali hanno le dimensioni di
veri e propri fiumi che incrociandosi formano un vero e proprio reticolo): il fabbricato è particolarmente suggestivo ed un paio di gentilissimi tecnici hanno tolto ogni curiosità ai visitatori circa il funzionamento della centrale. A questo punto i radunisti hanno lasciato la bonifica e si sono diretti a Stellata, dove hanno potuto visitare la rocca e, durante la passeggiata nel paese, ammirare il mercatino del modernariato e la casa natale di Ludovico Ariosto.
Il raduno si e' poi concluso con il pranzo presso l'ottimo Ristorante Tassi di Bondeno dopo il quale gli equipaggi sono ripartiti per il rientro. Ringraziamenti di cuore a Mirco e Annalisa Bergamini, fantastici organizzatori della giornata!

Marco C.